SGARRO NEL WEEKEND: POSSONO I PASTI DEL FINE SETTIMANA, RALLENTARE I NOSTRI RISULTATI?

Sgarro nel weekend: quanti di voi attendono il fine settimana per staccare dal lavoro e rilassarsi con una bella pizza? Ecco, non c’è nulla di male in questo; il cibo per fortuna è uno dei piaceri della vita e un pasto più abbondante non è in grado di farci perdere tutti i risultati ottenuti nella settimana.

Il problema nasce quando non è solo la pizza, ma è la pizza associata ad aperitivo, patatine, dolce, bibite ecc.. e non è il pasto sgarro ma il weekend sgarro!! In questo caso, c’è una perdita totale del controllo riguardo le dosi e una sorta di “rifugio” nel cibo, che diventa l’unica valvola di sfogo. Questo cibo però spesso è ipercalorico e  porterà a vanificare tutti gli sforzi fatti in settimana, così il peso non diminuirà; nei casi migliori, rimane costante o in altri casi può addirittura aumentare.

Partiamo dicendo che dal punto di vista nutrizionale, per ottenere un dimagrimento, è necessario creare un deficit calorico, ossia assumere meno kcal di quelle che si consumano; nel momento in cui il nostro introito calorico, cioè le calorie che assumiamo con gli alimenti giornalmente, è maggiore del nostro fabbisogno energetico (apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico) , aumentiamo di peso, mentre se assumiamo meno calorie del nostro fabbisogno energetico creeremo un deficit calorico e dunque perderemo peso. 

Saranno proprio queste kcal “risparmiate” a causare il dimagrimento; non i carboidrati alla sera o a pranzo o mangiare pollo piuttosto che branzino!

Quindi se durante la settimana, seguendo un regime alimentare e muovendoci, “risparmiamo” delle kcal e durante il weekend facciamo un pasto libero, il deficit settimanale sarà ancora attivo e il peso diminuirà ugualmente. Se però nel weekend, mangiamo senza controllo il surplus calorico sarà talmente alto, che andremo a recuperare tutte le kcal e ogni nostro sacrificio sarà perso!

Più precisamente le diete ipocaloriche dovrebbero mediamente creare un deficit calorico del 15-20% rispetto al fabbisogno. Se per esempio, per mantenere uno stato stazionario assumevi 2000 kcal, dovrai ora assumere 1600 – 1700 kcal: in una settimana avrai creato un deficit di 2800-2100 kcal che permetterà il calo ponderale. Capite però quanto sia facile recuperare questo deficit con un paio di pasti liberi?! Pensate che una pizza 4 formaggi ha quasi 900 kcal, una brioche alla Nutella sopra le 300 kcal e altrettante una porzione di lasagna!!

Inoltre quando si mangia oltre la fame stessa, per noia o compensazione, viene anche ignorato il senso di sazietà e si tenderà ad eccedere causando senso di gonfiore, malessere e talvolta problemi gastrointestinali.

Concludo dicendo che avere, nel contesto di un’alimentazione equilibrata e giusto stile di vita, dei pasti più liberi con cibi golosi anche se più calorici, non è assolutamente un problema! Anzi aiuta ad avere un approccio alla dieta duraturo e sostenibile. È infatti giusto pensare alla dieta non come una privazione e sacrificio per un piccolo periodo, magari in prossimità dell’estate, ma come un vero e proprio percorso a lungo termine finalizzato a breve termine, alla perdita di peso ma nel lungo periodo finalizzato alla sana alimentazione, sostentamento della nostra salute e mantenimento del peso.

Lascia un commento