IL MELOGRANO

Oggi vi parlo di un altro simbolo tipico dell’autunno: il melograno! Questo frutto si distingue per la sua buccia rossastra all’interno della quale si raccolgono i succosi arilli rossi, che sono la parte edibile che si sviluppa attorno ai semi.
Il melograno è tanto buono e caratteristico, quanto ricco, anzi ricchissimo di proprietà benefiche per la nostra salute.

✅Il frutto del melograno spicca soprattutto per le sue qualità antiossidanti, essendo ricco di vitamina C e di numerosi fenoli, tra i quali l’acido gallico ed altri ellagitannini particolarmente attivi contro i radicali liberi.
✅Da sottolineare l’abbondanza di acido punico (dal nome scientifico del melograno: Punica granatum), particolarmente efficace come inibitore del cancro al seno.
✅ Per quanto riguarda le vitamine, prima ancora di vitamina C è ricco di vitamina K, importante soprattutto per i bambini, seguita anche dalle vitamine del gruppo B e quelle A ed E.
✅Le proprietà attribuite a questo frutto sono:
✔️antiossidante
✔️antitumorale
✔️anticoagulante
✔️antidiarroico
✔️astringente
✔️gastroprotettivo
✔️ipotensivo
✔️ipocolesterolemizzante
✔️idratante
✔️antimicrobico
✔️antimicotico
✔️antibatterico
✔️vermifugo
✔️vasoprotettore

✅Ha inoltre azione benefica in menopausa, visto la buona presenza di fitoestrogeni.

❌Il melograno può però interagire con alcuni farmaci: con la carbamazepina, con i farmaci metabolizzati dal citocromo P450 2C9, 2D6 e 3A4, con gli ACE inibitori, con gli antipertensivi, con rosuvastatina, la tolbutamide e il warfarin.

Lascia un commento